Archive for the ‘Cultura e Società’ Category

Mai sentito parlare del Cretto di Burri?

DOMENICA 5 APRILE 2015

Sapevate forse, che sulle colline sovrastanti Gibellina (provincia di Trapani), fosse stato realizzato da Alberto Burri, noto scultore del 900′, un grande Cretto, proprio sulle rovine della vecchia Gibellina, distrutta completamente dal terremoto del Belice del 1968Il Cretto fu costruito tra il 1984 e il 1989 (anno di inaugurazione); esso si presenta come una serie di enormi fratture di cemento divise qua e la da stretti vicoli e si estende su una superficie di circa 10 ettari. Il Cretto costituisce una grande tomba collettiva della popolazione devastata dal sisma e un ricordo dei defunti. Esso rappresenta, oggi, una delle opere d’arte contemporanea più estese al mondo. Attualmente è in atto un restauro.

Roma, “No Monti Day”: tutto bene, a parte qualche banca imbrattata

Vedi articolo su AgoraVox Italia 

DOMENICA 28 OTTOBRE 2012

Simpatizzanti dei partiti della sinistra italiana, studenti e curiosi “romani”, hanno partecipato alla manifestazione contro l’aggressività e le speculazioni economiche delle banche e della finanza. Il corteo principale, partito da Piazza della Repubblica accompagnato da slogan e grida di protesta, si è tranquillamente diretto a  Piazza San  Giovanni dove  i rappresentanti delle organizzazioni dei partiti hanno tenuto discorsi contro il cosiddetto “Governo dei Tecnici”. La manifestazione non ha visto situazioni di pericolo né per i  partecipanti né per i numerosi negozi incontrati lungo il  percorso e per quelli presenti sulla piazza, di cui molti chiusi  per eccesso di precauzione. La Polizia, che aveva predisposto una stretta sorveglianza dei luoghi d’accesso a Piazza San Giovanni, non ha assolutamente avuto modo di intervenire, nonostante la presenza di alcuni gruppi di No-Tav  che infatti hanno manifestato in modo allegro e pacifico. In particolare è stato fortemente sottolineato che i “ministri  tecnici”ancora non riescono a risolvere i problemi dei disoccupati, degli “esodati”, degli operai dell’Ilva di Taranto, dei lavoratori della scuola e degli studenti che, purtroppo, anche quest’anno si trovano a convivere con una scuola, come sempre dotata di pochi mezzi didattici e come al solito con scarso numero di professori e di personale scolastico. 

Tutti aspettavano la conclusione della manifestazione, soprattutto i i poliziotti, il personale sanitario e i dipendenti dell’AMA di Roma (Azienda Municipale Ambiente), schierati insieme a numerose “autoblindo” e autoambulanze. I partecipanti hanno cominciato a “sciamare” intorno alle 18.30 mentre l’AMA iniziava le operazioni di pulizia e i poliziotti se ne tornavano tranquillamente in Commissariato. 

Roma, 20 ottobre 2012 : Manifestazione per il diritto e la difesa del lavoro

Vedi articolo su AgoraVox Italia

SABATO 20 OTTOBRE 2012

Migliaia di persone, arrivate da tutta Italia, hanno manifestato per chiedere o mantenere il lavoro. La manifestazione in Piazza San Giovanni ha visto giovani, genitori, bambini, nonni, lavoratori e disoccupati manifestare la loro preoccupazione per il presente e, soprattutto, per il  futuro dei figli. Purtroppo sono giorni difficili per il lavoro: molti posti  nell’industria privata sono andati perduti, i dipendenti sia privati sia  statali vivono momenti difficili per le numerose tasse, gli aumenti  delle  spese alimentari e sanitarie. Un esempio per tutti è sicuramente la situazione dell’ILVA di Taranto, in Puglia, che vede migliaia di lavoratori vivere il disagio di difendere un “posto di lavoro” a rischio della propria salute.

Dobbiamo essere tutti solidali verso chi non ha un lavoro o ha perduto la speranza di un domani migliore. La manifestazione, che si è svolta in modo ordinato ed educato da parte dei partecipanti e delle forza dell’ordine, è stata conclusa con il discorso del segretario generale CGIL Susanna Camusso.