Al via il progetto “INNOVA” dell’ENEA: nove borse di studio su energia e agroalimentare per la formazione di giovani laureati e dottorati siciliani

Vedi articolo completo su Scienza e Governo MERCOLEDì 20 GIUGNO 2018 Le borse di studio avranno una durata di 18 mesi, ripartiti su due periodi consecutivi, rispettivamente uno di 12 mesi e l’altro di 6. Tra le qualifiche professionali possibili grazie […]

Al via la seconda edizione del “Festival dello Sviluppo Sostenibile”

Vedi articolo completo su Scienza e Governo MARTEDì 22 MAGGIO 2018 Fare 17 goal in 12 anni, questo l’obiettivo dell’Agenda 2030. Secondo il Rapporto ASviS 2017 l’Italia non è ancora su un sentiero di sviluppo sostenibile. Timidi gli investimenti europei […]

I vantaggi delle infrastrutture verdi per l’efficienza energetica degli edifici

Vedi articolo completo su Scienza e Governo GIOVEDì 17 MAGGIO 2018 Da una recente ricerca dell’ENEA, emerge che il verde parietale consente una diminuzione del 40% del flusso termico penetrante nell’edificio e una diminuzione dei costi dell’energia elettrica utilizzata per […]

“La transizione alla green economy” è possibile

Vedi articolo completo su Scienza e Governo MARTEDì 15 MAGGIO 2018 Dai fondamenti della green economy ai fattori che potrebbero accelerare la transizione verso un’economia più sostenibile, questi i temi del “Meeting di Primavera” della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, […]

Agricoltura biologica, il Parlamento europeo approva il nuovo regolamento

Vedi articolo completo su Scienza e Governo MARTEDì 8 MAGGIO 2018 Controlli sui produttori annuali e massimo biennali se non si riscontreranno frodi per tre anni consecutivi, certificazioni di gruppo per i piccoli produttori riuniti in cooperative e consorzi locali. […]

 

Confagricoltura : “Acqua e agricoltura : tra sicurezza dei territori e competitività delle imprese”

MARTEDì 4 DICEMBRE 2012

“L’oro blu” rappresenta per il settore agricolo un indispensabile elemento di competitività. La presenza dell’irrigazione e la qualità del servizio irriguo costituiscono fattori di sviluppo fondamentali. La prima parte del convegno sarà dedicata all’utilizzo dell’acqua in agricoltura, tema sempre più strategico per il futuro delle imprese agricole. I relatori si confronteranno sulla ricerca di soluzioni che permettano di aumentare le produzioni e di usare meno acqua. La tavola rotonda “Italia tra siccità ed alluvioni, troppe emergenze senza risposta” sarà l’occasione di approfondire la priorità assoluta per le popolazioni e le attività economiche di vivere ed agire in un territorio sicuro dal punto di vista idrogeologico.

EcoMondo 2012 : Key Energy e obiettivi per il 2020

Vedi articolo su AgoraVox Italia

VENERDÌ 16 NOVEMBRE 2012

Il 9 Novembre 2012, a Rimini Fiera, in occasione della fiera    internazionale EcoMondo, si è tenuto il Workshop Key-Energy:  Efficienza Energetica e Rinnovabili in Agricoltura. Il convegno organizzato e promosso da Confagricoltura (Confederazione  Generale dell’Agricoltura) ha preso in considerazione  l’Efficienza Energetica in Agricoltura, il Biogas e le Energie Rinnovabili. Oltre a Confagricoltura hanno partecipato : GSE (Gestore Servizi Elettrici,),  MISE (Ministero dello Sviluppo Economico), MIPAAF (Ministero per le politiche agroalimentari e forestali), MATTM (Ministero per tutela dell’ambiente e del mare), ENEA (Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, il CIB (Consorzio Italiano Biogas).

A parere di Confagricoltura il settore agricolo deve guardare  con fiducia agli investimenti in ricerca ed innovazione  (ogni euro investito in ricerca per la bioeconomia genera 10 Euro di valore aggiunto) ma, come ha sottolineato il presidente  Guidi, anche allo sviluppo dei mercati e alla competitività delle  imprese, da raggiungere entrambi con l’impiego di tecnologie ecocompatibili e con forte attenzione alle risorse naturali.

I lavori hanno affrontato e discusso anche le azioni del Governo sulla Strategia Energetica Nazionale che risulta focalizzata su quattro obiettivi principali :

  • Mitigazione della crescita economica sostenibile attraverso lo sviluppo del settore energetico;
  • Allineamento dei prezzi e dei costi dell’energia con quelli europei;
  • Riduzione dalla dipendenza di approvvigionamento dall’estero che oggi costa al Paese circa 62 miliardi di euro l’anno;
  • Raggiungimento degli obiettivi ambientali definiti dal Pacchetto Europeo Clima-Energia 20-20-20 (per l’Italia significano riduzione del 19% di emissioni CO2, 17% di energia rinnovabile sui consumi finali, corrispondente a 21 MTEP di energia primaria, riduzione del 20% dei consumi di energia attraverso l’Efficienza Energetica;

I diversi relatori hanno evidenziato la corsa inarrestabile delle rinnovabili elettriche e di quelle termiche e del biogas (il CIB ha sottolineato che produzione di biogas ha ormai superato al 2012 i 700 MWel e il trend alla crescita non diminuisce). Attenzione è stata rivolta ai Certificati Bianchi quale strumento principale e opportunità economica (anche 100 € per Tonnellata Equivalente di Petrolio risparmiato) per l’Efficienza Energetica in Agricoltura. Il GSE ha evidenziato che entro il 2012 il fotovoltaico raggiungerà i 12000 MWp.

EcoMondo 2012 – “Fiera Internazionale del recupero di Materia ed Energia e dello Sviluppo Sostenibile”

MERCOLEDì 7 NOVEMBRE 2012

Le vie di sviluppo delle attività produttive e dell’intera economia, in questi ultimi anni, passa necessariamente attraverso una vera e propria rivoluzione del mondo produttivo in un approccio culturale nuovo ed una ricerca industriale appropriata con strategie e strumenti spesso inediti messi in campo. Vengono richieste risparmi ed efficienze nell’uso di materie prime e nella produzione dell’energia, allo stesso tempo elevata qualità dei sistemi produttivi e dei prodotti. Recenti rapporti danno ormai per scontato questo passaggio come imprese green che vedono centinaia di migliaia di imprese che stanno investendo in prodotti e tecnologie e dove diverse decine in % di nuove assunzioni, riguardano figure professionali legate alla sostenibilità.

Le nuove frontiere richiedono sia l’applicazione di strumenti quali la Simbiosi industriale con la creazione di Eco-parchi dove i rifiuti generati da un processo diventano materie prime e generatori di energia per altri, condivisione delle risorse, l’applicare la valutazione dei cicli di vita di prodotti, processi e sistemi e nei loro strumenti di validazione in un Ecodesign quale disegno sperimentale di sostenibilità. L’impegno che ci viene chiesto come patner ormai tradizionali di Ecomondo, ma anche per le nuove acquisizioni in collegamento con il CTS, è quello di rivisitare i nostri approcci alla luce dei criteri nella realizzazione della Green Economy, ma anche verificare le nuove vie di sviluppo alla luce della realizzazione delle piattaforme tecnologiche a livello nazionale, regionale e locale ed in prospettiva di quanto si prevede nella strategia “Horizon Programme for Research and Innovation, il  contributo alla Strategia “Europa 2020”. La presentazione di nuovi modelli atti a risolvere i problemi gestionali nei vari settori contemplati ad Ecomondo, aiutano una integrazione via via più stretta tra Ricerca industriale ed attività produttive.

Le novità normative saranno il riferimento primo sul quale sviluppare gli aspetti applicativi sulle tematiche dell’edizione 2012 che ricalcano quelle tradizionali per comparti ambientali di interesse, suddivise per sezioni (Air, Oroblu, Reclaim, Expò, Waste…) oltre per quelle tecnologie innovative in connessione con Università, Enti di Ricerca pubblici e privati, Associazioni. Uno spazio ampio di possibilità di intervento sarà riservato, inoltre, per eventi a carattere interdisciplinare trasversale. Dobbiamo dare forza al dibattito, che seguirà ad ogni evento, tra istituzioni, associazioni, esperti, aziende e professionisti.

Roma, “No Monti Day”: tutto bene, a parte qualche banca imbrattata

Vedi articolo su AgoraVox Italia 

DOMENICA 28 OTTOBRE 2012

Simpatizzanti dei partiti della sinistra italiana, studenti e curiosi “romani”, hanno partecipato alla manifestazione contro l’aggressività e le speculazioni economiche delle banche e della finanza. Il corteo principale, partito da Piazza della Repubblica accompagnato da slogan e grida di protesta, si è tranquillamente diretto a  Piazza San  Giovanni dove  i rappresentanti delle organizzazioni dei partiti hanno tenuto discorsi contro il cosiddetto “Governo dei Tecnici”. La manifestazione non ha visto situazioni di pericolo né per i  partecipanti né per i numerosi negozi incontrati lungo il  percorso e per quelli presenti sulla piazza, di cui molti chiusi  per eccesso di precauzione. La Polizia, che aveva predisposto una stretta sorveglianza dei luoghi d’accesso a Piazza San Giovanni, non ha assolutamente avuto modo di intervenire, nonostante la presenza di alcuni gruppi di No-Tav  che infatti hanno manifestato in modo allegro e pacifico. In particolare è stato fortemente sottolineato che i “ministri  tecnici”ancora non riescono a risolvere i problemi dei disoccupati, degli “esodati”, degli operai dell’Ilva di Taranto, dei lavoratori della scuola e degli studenti che, purtroppo, anche quest’anno si trovano a convivere con una scuola, come sempre dotata di pochi mezzi didattici e come al solito con scarso numero di professori e di personale scolastico. 

Tutti aspettavano la conclusione della manifestazione, soprattutto i i poliziotti, il personale sanitario e i dipendenti dell’AMA di Roma (Azienda Municipale Ambiente), schierati insieme a numerose “autoblindo” e autoambulanze. I partecipanti hanno cominciato a “sciamare” intorno alle 18.30 mentre l’AMA iniziava le operazioni di pulizia e i poliziotti se ne tornavano tranquillamente in Commissariato. 

Roma, 20 ottobre 2012 : Manifestazione per il diritto e la difesa del lavoro

Vedi articolo su AgoraVox Italia

SABATO 20 OTTOBRE 2012

Migliaia di persone, arrivate da tutta Italia, hanno manifestato per chiedere o mantenere il lavoro. La manifestazione in Piazza San Giovanni ha visto giovani, genitori, bambini, nonni, lavoratori e disoccupati manifestare la loro preoccupazione per il presente e, soprattutto, per il  futuro dei figli. Purtroppo sono giorni difficili per il lavoro: molti posti  nell’industria privata sono andati perduti, i dipendenti sia privati sia  statali vivono momenti difficili per le numerose tasse, gli aumenti  delle  spese alimentari e sanitarie. Un esempio per tutti è sicuramente la situazione dell’ILVA di Taranto, in Puglia, che vede migliaia di lavoratori vivere il disagio di difendere un “posto di lavoro” a rischio della propria salute.

Dobbiamo essere tutti solidali verso chi non ha un lavoro o ha perduto la speranza di un domani migliore. La manifestazione, che si è svolta in modo ordinato ed educato da parte dei partecipanti e delle forza dell’ordine, è stata conclusa con il discorso del segretario generale CGIL Susanna Camusso.