La COP25 chiude senza accordo sulle emissioni. Ecco tutte le decisioni rinviate al prossimo anno

Vedi articolo completo su Scienza e Governo VENERDì 20 DICEMBRE 2019 Alle parole non sono seguiti i fatti e quasi tutte le decisioni sono state rinviate al prossimo anno. A mancare, anche questa volta, è stata la volontà politica di […]

Le imprese agroalimentari siciliane partecipano alla campagna dell’ENEA “Italia in Classe A”

Vedi articolo completo su Scienza e Governo LUNEDì 11 NOVEMBRE 2019 Il convegno “Sostenibilità energetica e ambientale per i territori e le città”, organizzato da ORSA e Fondazione Simone Cesaretti presso la Riserva Naturale Orientata Bosco d’Alcamo, si chiude con […]

L’efficienza energetica volano di sviluppo per la Sicilia

Vedi articolo completo su Scienza e Governo VENERDì 8 NOVEMBRE 2019 Efficienza energetica, energie rinnovabili e innovazione tecnologia in agricoltura al centro di un convegno organizzato ad Alcamo da ORSA e Fondazione Simone Cesaretti.

Il cinema italiano dice no all’uso di plastiche monouso

Vedi articolo completo su Scienza e Governo VENERDì 25 OTTOBRE 2019 Alla Festa del Cinema di Roma al posto delle bottiglie di plastica ci sono borracce ed erogatori di acqua grazie all’iniziativa “Go Plastic Free”, lanciata dall’associazione Marevivo. Con questa e […]

Festa del Cinema di Roma, John Travolta protagonista della sesta giornata

Vedi articolo completo su Scienza e Governo MERCOLEDì 23 OTTOBRE 2019 John Travolta vola a Roma per presentare il suo ultimo film, “The Fanatic”. Il divo di Hollywood ripercorre la sua carriera in un incontro ravvicinato con il pubblico nel […]

 

“Ragazzi siate solidali”

Vedi articolo su AgoraVox Italia

MARTEDì 26 MAGGIO 2015

Medicina Solidale è un’associazione di volontariato senza fini di lucro costituitasi nel 2003. Dal 2004 opera a Roma (soprattutto nelle aree periferiche) e provincia con assistenza sanitaria gratuita, interventi medici e sportelli psicologici. Tra gli assistiti gli italiani rappresentano circa il 30%, mentre il resto è rappresentato da immigrati, in gran parte provenienti dall’Africa e dall’Est Europeo, tra i quali molti di etnia rom. Medicina Solidale collabora con istituzioni pubbliche e private per la realizzazione di progetti miranti a contrastare il diffondersi di patologie legate alla povertà e, inoltre, porta avanti attività che hanno come obiettivo il diritto alla salute e e l’assistenza medica per fasce sociali più svantaggiate. La responsabile di Medicina Solidale, Lucia Ercoli, ci ha illustrato le attività dell’associazione.


Domanda – Qual è il contributo di Medicina Solidale per i migranti dell’area Mediterranea? Esistono strutture di primo controllo nelle località dove arrivano i migranti?

Risposta – Presso i nostri ambulatori accogliamo soprattutto migranti dell’Africa del Centro-Sud e dell’Est Europeo. Forniamo loro assistenza sanitaria specifica (pediatrica, chirurgica, nutrizionale e psichiatrica) e per le donne che giungono in Italia incinte, forniamo anche la necessaria assistenza ostetrica. Per adesso operiamo soltanto nell’area di Roma e Provincia.

D – Quali sono i programmi di Medicina Solidale per le donne dei Paesi dell’altra sponda del Mediterraneo?

R – Medicina Solidale offre alle donne migranti assistenza medica e psicologica, mettendo a disposizione personale medico qualificato e sportelli d’ascolto. Queste donne sono spesso affette da malattie di cui neanche loro sono a conoscenza o sono in stato interessante. Nei nostri ambulatori offriamo servizi ostetrici e infettivologici, assistenza post-partum e di educazione all’allattamento e allo svezzamento. Un dato da sottolineare: assistiamo con successo dalle 300 alle 400 gravidanze l’anno.

D – Quali sono le strutture e come opera Medicina Solidale a Roma e in Italia?

R – Medicina Solidale ha un Protocollo di Intesa con il Vicariato di Roma per operare in strutture mediche all’interno di alcune parrocchie della periferia romana come Nostra Signora di Lourdes a Tor Marancia, aperto nel 2009. Dispone di un ambulatorio in Via Amico Aspertini – Torre Gaia (V Municipio di Roma). A gennaio di quest’anno abbiamo aperto anche un ambulatorio solidale a Piazza dei Caduti della Montagnola in collaborazione con la Fondazione Banco Farmaceutico Onlus di Roma e UNITALSI.

D – Sono attive collaborazioni formative tra Medicina Solidale e la Scuola in Italia? Se si quali?

R – Organizziamo corsi educativi finalizzati alla prevenzione della malnutrizione e dell’obesità infantile, presso scuole elementari e medie. Abbiamo una linea di attività in corso con gli studenti del Liceo Scientifico E. Amaldi di Roma ai quali proponiamo lezioni ed incontri con medici professionisti. E’ attivo anche un protocollo d’intesa con l’Università degli Studi di Tor Vergata che prevede corsi di formazione medica e tirocini pratici integrativi al ciclo di studi dello studente.

D – In quali paesi africani avete collaborazioni o svolgete attività?

R – Nel 2006 abbiamo aperto un Ambulatorio in Camerun che si occupa di dare assistenza sanitaria a bambini e donne soprattutto per cure mediche e interventi chirurgici. I bambini sono anche inseriti in programmi di controllo igienico-nutrizionale e di distribuzione di viveri. Per le donne abbiamo programmi di assistenza ostetrica e di informazione sulla prevenzione di malattie sessualmente trasmissibili. Organizziamo inoltre per le donne corsi sulla cura della prole e sulle tecniche di base per cucinare.

D – Cosa potrebbe fare uno studente di liceo se volesse contribuire alle azioni di Medicina Solidale?

R – Realizziamo spesso seminari di informazione sulle attività di Medicina Solidale in collaborazione con la facoltà di Medicina dell’Università di Roma Tor Vergata. Questi incontri sono aperti oltre che agli studenti universitari anche agli studenti liceali. In particolare cerchiamo di sollecitare i ragazzi alla solidarietà sociale attraverso la partecipazione volontaria ai nostri programmi nelle strutture sanitarie di cui disponiamo a Roma e provincia.

“Via Crucis – La Pasion de Cristo” giunge a Palermo

MERCOLEDì 8 APRILE 2015

Da New York prima tappa), la “Via Crucis – La Pasion de Cristo” di Fernando Botero, è passata in Colombia, a Medellin, città natale dell’artista), poi a Lisbona, a Panama e ora è giunta a Palermo (unica tappa italiana). Attualmente la mostra è ospitata nelle Sale di Duca di Montaldo all’interno del Palazzo Reale, sede dell’Assemblea regionale siciliana nonché della Cappella Palatina (che si trova al primo piano).

La mostra (costituita da 27 dipinti e 34 disegni) racconta la Passione di Cristo in una chiave di lettura nuova, raffigurando forme grasse e ironiche, tipiche di Botero, che, a prima vista, possono risultare buffe e divertenti ma che comunque nascondono un significato profondo – quello dell’umanizzazione della figura divina. La mostra resterà aperta fino al 21 giugno.

Ballarò mercato o Ballarò talk show?

LUNEDì 6 APRILE 2015

Quanti conoscono il programma televisivo “Ballarò” e quanti il mercato “Ballarò” di Palermo? Il talk show, ideato e condotto da Giovanni Floris dal 2002 al 2014, e attualmente presentato da Massimo Giannini (vice-direttore del quotidiano “La Repubblica”), prende il nome dall’omonimo mercato di Palermo. Il mercato, che è uno dei più antichi di Palermo, si estende da Piazza Casa Professa a Corso Tukory verso Porta Sant’Agata. Esso si presenta come un ammasso di bancarelle e banchetti che danno su una strada principale dove, ogni giorno, centinaia di persone passeggiano, osservano e commerciano cibo, mobili, articoli di uso domestico per la cucina e la pulizia della casa e oggetti vari.  Il mercato è sempre animato da chiassosi richiami dei venditori volti a catturare l’interesse dei passanti. All’interno del mercato è possibile trovare cibi tipici della cucina palermitana come cipolle bollite o al forno, “cazzilli” (crocchette di patate), polpi, “quarume” (interiora di vitello) e “panelle” (frittelle di farina di ceci). 

Mai sentito parlare del Cretto di Burri?

DOMENICA 5 APRILE 2015

Sapevate forse, che sulle colline sovrastanti Gibellina (provincia di Trapani), fosse stato realizzato da Alberto Burri, noto scultore del 900′, un grande Cretto, proprio sulle rovine della vecchia Gibellina, distrutta completamente dal terremoto del Belice del 1968Il Cretto fu costruito tra il 1984 e il 1989 (anno di inaugurazione); esso si presenta come una serie di enormi fratture di cemento divise qua e la da stretti vicoli e si estende su una superficie di circa 10 ettari. Il Cretto costituisce una grande tomba collettiva della popolazione devastata dal sisma e un ricordo dei defunti. Esso rappresenta, oggi, una delle opere d’arte contemporanea più estese al mondo. Attualmente è in atto un restauro.

LUISS Guido Carli – “Sostenibilità ambientale, sociale ed economica della filiera vitivinicola”

GIOVEDì 17 GENNAIO 2013

Nonostante la crisi degli ultimi anni, uno dei migliori  biglietti da visita per il nostro Paese è ancora rappresentato dai prodotti della filiera vitivinicola, per i  quali aumentano gli apprezzamenti e i riconoscimenti  in tutto il mondo. L’intensificazione del processo di  globalizzazione, tuttavia, ha generato due tendenze  contrapposte: da un lato, l’omogeneizzazione del gusto come conseguenza della gratificazione forzata del consumatore; dall’altro, il localismo e la naturalità, soprattutto attraverso il recupero dei vitigni autoctoni e la valorizzazione della cultura e dei valori della comunità territoriale che essi rappresentano.

Con questo seminario, si vuole esaminare lo stretto legame tra vino e territorio, nonché il continuo progresso qualitativo ottenuto attraverso una gestione delle vigne e delle cantine ispirata ai principi della sostenibilità economica, ambientale e sociale. L’evento si propone di aggiungere un tassello importante all’insieme degli studi sulla responsabilità sociale nel comparto vitivinicolo nazionale poiché, attraverso il coinvolgimento di testimoni privilegiati, contribuisce a una migliore definizione delle strategie di crescita degli operatori, alla comprensione delle dinamiche in atto, e a una necessaria riflessione sulle possibili politiche di sviluppo.